Il Twiga Beach Club di Briatore sbarca ad Otranto

Twiga beach club

Il litorale a nord di Otranto ha visto in questi giorni partire i lavori per  una location esclusiva che prevederà la presenza di un lido con 150 gazebo vista mare provvisti di arredi di lusso, un ristorante con alta cucina italiana e giapponese, e un cocktail bar. Il Salento entra, così, ufficialmente nel circuito extralusso del Bilionaire Lifestile di Flavio Briatore. Un marchio, quello del celebre imprenditore, che consacra la penisola salentina come meta del turismo più glamour affianco a rinomate località come Forte dei Marmi, Montecarlo, Dubai e, dal prossimo autunno, Londra. Il progetto comporta un cospicuo investimento che prevede non solo il lido di lusso, ma anche un night club con un programma artistico che accompagnerà gli ospiti fino all’alba; per fare qualche nome, al Twiga, in Versilia, si esibiscono Bob Sinclar, Fargetta e Sophie Ellis-Bextor. Il tutto condito con gli ingredienti che contraddistinguono il marchio dell’imprenditore piemontese già sperimentati in Costa Azzurra e Versilia: servizi attenti a ogni esigenza, atmosfera unica e suggestiva, accoglienza di altissimo livello verso la clientela che si rivolge al settore del lusso. Il progetto, che vedrà la conclusione dei lavori per l’estate 2017, nasce da un’intesa tra la holding di locali di lusso di Briatore e una cordata di imprenditori salentini del settore.
Già dal prossimo giugno saranno avviati i primi colloqui e la formazione del personale per il club di Otranto, che di recente è stata ancora una volta premiata con la Bandiera Blu d’Europa. Poche settimane e partiranno i ‘Twiga Casting’ per la selezione di uno staff “che dovrà garantire – sottolineano gli organizzatori – gli altissimi standard richiesti dal marchio Billionaire Lifestyle. Come evidenziano gli organizzatori si tratta di una grande opportunità per il territorio che aprirà sempre più Otranto e il Salento al turismo internazionale e il Twiga Beach Club sarà il suo “flagship product, eccellenza nel lusso dell’ospitalità salentina”. Per quanto riguarda la location il Twinga sorgerà in un’area nei pressi di Grotta Monaca a breve distanza dal centro abitato. Più scogliera che sabbia, una delle ultime insenature prime dell’arenile degli Alimini, su un terreno di propietà di uno degli imprenditori locali che hanno colto al volo il manifesto interesse del manager ex Formula 1. Come messo in risalto dagli attori di questa operazione il progetto è andato in porto anche grazie alla disponibilità mostrata “dall’intero consiglio comunale di Otranto e dal sindaco Luciano Cariddi” nel supportare un progetto “che punta a incrementare in modo determinante il business turistico di tutto il territorio”. La scelta di Otranto è stata motivata in considerazione non solo delle sue indubbie bellezze paesaggistiche e ambientali, ma anche in ragione del suo tradizionale appeal verso un target già piuttosto alto a cui è rivolta l’offerta turistica, anche rispetto ad altre località del Salento. D’altro canto in più di un’occasione è stata sottolineata l’opportunità anche dal punto di vista occupazionale. Sono previste subito 40 assunzioni per le quali si darà precedenza, tra i candidati che supereranno le selezioni, a quelli residenti nel Salento.
Il litorale a nord di Otranto ha visto in questi giorni partire i lavori per  una location esclusiva che prevederà la presenza di un lido con 150 gazebo vista mare provvisti di arredi di lusso, un ristorante con alta cucina italiana e giapponese, e un cocktail bar. Il Salento entra, così, ufficialmente nel circuito extralusso del Bilionaire Lifestile di Flavio Briatore. Un marchio, quello del celebre imprenditore, che consacra la penisola salentina come meta del turismo più glamour affianco a rinomate località come Forte dei Marmi, Montecarlo, Dubai e, dal prossimo autunno, Londra. Il progetto comporta un cospicuo investimento che prevede non solo il lido di lusso, ma anche un night club con un programma artistico che accompagnerà gli ospiti fino all’alba; per fare qualche nome, al Twiga, in Versilia, si esibiscono Bob Sinclar, Fargetta e Sophie Ellis-Bextor. Il tutto condito con gli ingredienti che contraddistinguono il marchio dell’imprenditore piemontese già sperimentati in Costa Azzurra e Versilia: servizi attenti a ogni esigenza, atmosfera unica e suggestiva, accoglienza di altissimo livello verso la clientela che si rivolge al settore del lusso. Il progetto, che vedrà la conclusione dei lavori per l’estate 2017, nasce da un’intesa tra la holding di locali di lusso di Briatore e una cordata di imprenditori salentini del settore. Già dal prossimo giugno saranno avviati i primi colloqui e la formazione del personale per il club di Otranto, che di recente è stata ancora una volta premiata con la Bandiera Blu d’Europa. Poche settimane e partiranno i ‘Twiga Casting’ per la selezione di uno staff “che dovrà garantire – sottolineano gli organizzatori – gli altissimi standard richiesti dal marchio Billionaire Lifestyle. Come evidenziano gli organizzatori si tratta di una grande opportunità per il territorio che aprirà sempre più Otranto e il Salento al turismo internazionale e il Twiga Beach Club sarà il suo “flagship product, eccellenza nel lusso dell’ospitalità salentina”.
Per quanto riguarda la location il Twinga sorgerà in un’area nei pressi di Grotta Monaca a breve distanza dal centro abitato. Più scogliera che sabbia, una delle ultime insenature prime dell’arenile degli Alimini, su un terreno di propietà di uno degli imprenditori locali che hanno colto al volo il manifesto interesse del manager ex Formula 1.Come messo in risalto dagli attori di questa operazione il progetto è andato in porto anche grazie alla disponibilità mostrata “dall’intero consiglio comunale di Otranto e dal sindaco Luciano Cariddi” nel supportare un progetto “che punta a incrementare in modo determinante il business turistico di tutto il territorio”. La scelta di Otranto è stata motivata in considerazione non solo delle sue indubbie bellezze paesaggistiche e ambientali, ma anche in ragione del suo tradizionale appeal verso un target già piuttosto alto a cui è rivolta l’offerta turistica, anche rispetto ad altre località del Salento. D’altro canto in più di un’occasione è stata sottolineata l’opportunità anche dal punto di vista occupazionale. Sono previste subito 40 assunzioni per le quali si darà precedenza, tra i candidati che supereranno le selezioni, a quelli residenti nel Salento.

Località: 
Otranto